Il Castello di Las Plassas

Il castello di Las Plassas o di Marmilla è un edificio fortificato militare di età giudicale (X-XV secolo)[2]. Il suo stato di conservazione è basso, ma riveste un'importante rilevanza storica in quanto era una delle roccaforti di controllo del confine del Regno di Arborea.

La Storia

Il castello di Las Plassas o di Marmilla è un edificio fortificato militare di età giudicale (X-XV secolo)[2]. Il suo stato di conservazione è basso, ma riveste un'importante rilevanza storica in quanto era una delle roccaforti di controllo del confine del Regno di Arborea. Sorge nel comune di Las Plassas, poco distante dal centro abitato. La collina conica su cui poggia, a forma di mammella, ha dato il nome Marmilla prima alla circoscrizione amministrativa arborense, poi al territorio circostante e infine alla subregione geografica. Costruito prima del 1172 (anno a cui risale il primo documento diretto in cui viene citato) il castello di Marmilla a Las Plassas apparteneva al Regno di Arborea, per il quale svolgeva l'importante funzione di roccaforte di confine[4]. Proprio nel 1172 venne ceduto in pegno alla repubblica di Genova. Venne più volte ristrutturato e l'intervento più significativo risale all'epoca del re Mariano II di Arborea, alla fine del Duecento[5].
Durante tutta la guerra tra il Regno di Arborea, a cui apparteneva, e il Regno di Sardegna della Corona d'Aragona, assunse un ruolo strategico di primaria importanza[6]. A seguito della battaglia di Sanluri nel 1409[7], entrò a far parte definitivamente nei domini aragonesi del Regno di Sardegna[8]. Mantenne la sua funzionalità ancora per poco più di un secolo fino a venire definitivamente abbandonato Oggi è allo stato di rudere ma è stato recentemente oggetto un consistente consolidamento nel 2000 e di alcune campagne di scavo (per la Soprintendenza archeologica delle provincie di Cagliari e Oristano) durante le quali sono stati portati alla luce degli straordinari reperti materiali[9] e parti dell'arredo architettonico. I reperti sono esposti nelle sale del museo comunale multimediale denominato MudA[10]. I ruderi del maniero sono attualmente visitabili con l'ausilio di una audio guida partendo dal museo MudA.
chi siamo su cuili

Carlo Sanna

Benvenuti a Su Cuili sull'altipiano della Giara. Carlo e Katiuscia vi aspettano.

Dove alloggiare
B&B Domu Sanna

Spazio Eventi
Sulla Giara